CECI N’EST PAS UNE PIPPE 2016-2017 /1

Ricomincia la stagione di Serie A e la Redazione ricomincia ad occuparsi di pippe, attività peraltro solo parzialmente abbandonata durante la off season. Chi succederà a Tommaso Raspino e Toto Forray? Ancora ventinove giornate e lo sapremo.fabio-mian-wvp Continua a leggere

CECI N’EST PAS UNE PIPPE 2015-2016 /12

La Redazione accoglie con gioia l’infittirsi del calendario e pubblica tempestivamente la classifica della dodicesima giornata. Non occorrono ringraziamenti (ma sarebbero graditi).

Joe Ragland WVP

Continua a leggere

Ceci n’est pas une pippe 2015-16 /4

Sempre più in ritardo su scadenze autoimposte e quindi del tutto modificabili, la Redazione non rinuncia al riepilogo statistico del meglio offerto dalla giornata di campionato. Quando la smetterà? Già, comunque troppo tardi.

Daniele Cavaliero WVP 2015-16

Continua a leggere

Semifinale Olimpia Milano – Dinamo Sassari The Preview parte 3: weekend con il Moss

milano sassari preview 3

Ed è di nuovo tempo per la PREVIEW Redazionale della serie Olimpia Milano – dinamo Sassari!!! Nella prima parte abbiamo parlato dei tizi che qualcuno ancora si ostina a definire playmaker (lulz), nella seconda di AleGent ❤ e delle sue prossime vittime sul parquet, e nella terza… Vediamo, c’è un ex-difensorissimo sulla via della bolsaggine, un italo-argentino bello bello bello in modo assurdo, un cubo di muscoli poco sopra l’uno e 90, uno che ultimamente non sta simpatico manco a suo padre e un cugino di Famoso che gioca col coltello tra i denti. Ah già, si parla di ALI PICCOLE. CONTINUA A LEGGERE

Ceci n’est pas une pippe /24

L’arrivo di Metta World Peace ha non solo galvanizzato l’ambiente canturino ma è stato anche da stimolo a Landon Milbourne, che ha rubato la scena a tutti con una prestazione sbalorditiva, che ha convinto la Redazione a soprassedere persino alle proprie regole (denunciateLa pure, il Tribunale della Redazione sarà felice di ricevere carta straccia).

Landon Milbourne WVPLa rubrica più più del web deve attendere il lunedì sera per trovare qualche soddisfazione: ci pensa Landon Milbourne che, nella rocambolesca vittoria di Pistoia su Cantù, arriva a -7 di valutazione in soli 9′. L’ala americana contravviene alla regola dei 10′ di presenza minima, ma la Redazione fa spallucce, ammira la capacità di non aver avuto alcuna singola voce positiva e gli assegna i cinque punti di giornata che gli valgono il terzo posto nella classifica generale. CONTINUA A LEGGERE