Pianigiani sfida Eurohoops: “Le mie concept jersey sono meglio delle tue”

Eurohoops mostra i prototipi di maglie dei club più importanti di Eurolega dimenticandosi di Milano, ovviamente Simone non gliele manda a dire.

“Non potevamo rimanere con le mani in mano, assolutamente, la classifica non ci condiziona: l’Olimpia vuole essere al passo con i migliori team di Eurolega”. È un Simone Pianigiani che non ha paura delle sfide quello giunto in Redazione per presentare le sue nuove idee.

“È da agosto che lavoro per disegnare un attacco che proprio non vuole girare e che disegno difese che fanno acqua, ma è proprio guardando le squadre che sono in cima alla classifica che ho capito il mio errore: non disegnavo male, disegnavo le cose sbagliate”.

Le divise che un’agenzia francese ha disegnato per le 6 grandi di EL sono state un pungolo per il coach senese.

“Mille pensieri mi si sono affollati nella testa. Ho pensato alla parole del nostro presidente, Livio Proli, sui tifosi che devono essere contenti a prescindere del risultato. E io credo che l’unica cosa che rende davvero contenti tutti quanti su un campo da basket sia l’Alta Moda.

E’ così che Simone ci illustra le divise di Real, CSKA, Fener, quella marmaglia che punta solo a vincere le partite.

“Cambiano i colori, ma sono tutte uguali. Invece il basket è come la vita di tutti i giorni, c’è spazio per tutti e tutti hanno il dovere di essere unici, irripetibili. A costo di sacrificare la praticità per indossare forme che non nascondono, ma svelano, che mostrano chi sei nel profondo. Ho pensato alla poesia “if” di Kipling, una delle mie preferite e ho riflettuto sul fatto che vittoria e sconfitta sono solo due impostori. Totalmente vero, vittoria e sconfitta sono bugiarde, dettate da episodi, alti e bassi, percentuali. Un doppiopetto no, un doppiopetto non mente mai.”

Simone passa così a illustrare le sue creazioni. “La vestibilità può sembrare sacrificata, ma vi assicuro che un abito è comodo solo se veramente senti che ti sta addosso e a noi quest’abito sta alla perfezione. Sono particolarmente orgoglioso della terza maglia, la throwback, perché penso che racconti chi siamo nel profondo dei nostri cuori. O almeno così mi ha detto Livio”.

La Redazione è stupita e ammirata e fa in tempo solo a chiedere cosa si aspetta dalla partita di giovedì con il CSKA.

“Veniamo da una grande prova ad Atene, dove abbiamo raggiunto il nostro obiettivo: essere solidi e credibili. Ora è il momento di fare un passo avanti: l’obiettivo con il CSKA è di essere consistenti, convincenti e belli belli belli in modo assurdo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...