Olimpia Milano: Livio, che diavolo è il gioco dello spezzatino?

Ancora frastornata dalla meravigliosa intervista rilasciata da Proli al Corriere della Sera, La Redazione butta giù 12 risposte possibili 

spezz

La squadra gioca sempre peggio e vince (male) giusto contro squadre un po’ così, Repesa è così in difficoltà da non riuscire manco a spararle a cazzo come al solito in conferenza stampa, la classifica di Eurolega è così imbarazzante che i tempi delle partite in settimana come “allenamento per il campionato” vengono ricordati con una certa nostalgia. E allora capita a fagiolo la nuova, scintillante intervista di Livione nostro, fatta apposta per far comparire ebeti sorrisoni sui visi affranti 24/7 dei tifosi Olimpia! Un sola cosetta ha messo in crisi gli Esegeti Proliani Redazionali, e non parliamo di espressioni come “si è rotta la caldaia” (lulz) o “bolla di confusione” (arilulz): ma ‘sto “gioco dello spezzatino”, che cazzo è? Abbiamo buttato giù un po’ di ipotesi, tanto per fare la prima listaacazzo del 2017. Scusate noi :/

1) È come il gioco della bottiglia, ma anziché limonare si finisce ad Assago a picchiarsi i testicoli contro i pali della luce.

2) Da piccolo Proli veniva spesso lasciato nella bottega dello zio macellaio e chiacchierava coi tagli di carne per non sentirsi solo. Quei bocconcini di manzo lì non gli stavano molto simpatici.

3) Una strana (ma assai popolare nello spogliatoio) pratica creata da Raduljica per passare il tempo nelle lunghe trasferte quando giocava in Cina per gli Shandong Golden Stars.

4) È lo stesso gioco che fanno i fan di Bruce Springsteen,  costa un po’ meno in soldi ma un po’ di più in dignità.

5) Il simpatico nickname dato in società all’offensive playbook di Repesa.

6) Proli è stato alimentato fin da bambino con fiori di loto morbidi avvolti in foglia d’oro. Per lui “spezzatino” e come per noi “merda”. Ma meno realistica. “Merda di Ciclope”, toh.

7) Speriamo tantissimo che si tratti di una roba tipo questa mr-bacon

o questa meatball-madness-game1

8) Non significa un cazzo. Ma quest’anno va di brutto il casereccio, ballando il liscio alla balera dell’Ortica.

9) Quando Proli non sa cosa inventarsi ed è in difficoltà si guarda attorno e cita la prima cosa che vede. Farsi intervistare al ristorante non lo aiuta.

10) È una metafora. Come quando tua nonna c’ha la carne sul fuoco e tu vai li con la forchetta e vieni menato col mestolo. Ecco. Quando Repesa parla di sé come di un allenatore. Uguale.

11) Quando i tifosi si radunano e attendono squadra, coach e dirigenza al ritorno da una trasferta a caso di Eurolega e tagliano tutti a pezzetti per poi rosolarli assieme a verdure ed aromi ed annaffiarli con del liquido come acqua, vino, pomodoro o brodo.

12) Niente. È semplicemente un brasato destrutturato.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...