Vacanze di lavoro

Seguendo esempi illustri, la Redazione non gioca a golf e non va in vacanza, ma talvolta si reca in luoghi di villeggiatura, se c’è aria di scoop.

Basta una soffiata anonima («Lu’a») da una fonte riservatissima (nome in codice “Belloccio”) e la Redazione si fionda verso il monte Argentario, cercando tra i tomboli una verifica a questa suggestiva indicazione. E in effetti, dopo una breve camminata lungo la Feniglia, appare una sagoma familiare, un volto noto che richiama alla memoria della Redazione qualcosa che la Redazione non è così felice di ricordare. Forte è l’impulso di girare i tacchi e correre, correre a perdifiato senza mai voltarsi, ma il super-Io ipertrofico di cui la Redazione non si libererà mai spinge nella direzione opposta: quella figura razionale – razionale come un quadrato in cui le diagonali si rapportano ai lati senza fare impazzire Pitagora – richiede un dialogo. E dialogo sia.

CONTINUA A LEGGERE